SCARICA LE NOSTRE APP

iphone-android iphone-android Disponibile su Apple Store per iPhone e iPad e su Google Play per dispositivi Android.
Naviga sul nostro territorio con le funzioni avanzate di geo-localizzazione

Home - Il bello - Le chiese - Altre Chiese

Chiesa Beata Vergine del Corlo

  • Indirizzo:
  • Piazza Corlo
  • Localit√†:
  • Lonato del Garda - Bs
  • GPS:
  • 45.463928 10.483133

La Chiesa risale al secolo XIV e venne edificata per assicurare il servizio religioso al popoloso rione del Corlo. Nel 1505 viene concessa in uso alla Confraternita dei Disciplini,  che continuarono per due secoli ad arricchire l'edificio con opere d’arte e decorazioni. Questo impegno è culminato nella realizzazione dei particolarissimi stucchi e delle dorature del soffitto, completati nel corso del XVII secolo. L’impegno e il sapiente lavoro del gruppo di volontari "Amici del Corlo" hanno riportato, nel corso degli ultimi anni, all’antica bellezza le decorazioni a stucco, che possiamo oggi vedere nei delicati e limpidi colori originari. Dal bel portale cinquecentesco, che arricchisce la semplice facciata, mediante una lunga scalinata, si accede alla chiesa, rialzata rispetto all’attuale piano stradale. L’interno, a navata unica, è ricco di affreschi secenteschi.  Notevole il presbiterio attraverso il quale si accede al coro, una volta adibito a solenne sala delle riunioni dei Disciplini. A sinistra abbiamo la cappella di San Michele, affrescata da Pietro Marone, ricordato come esponente del manierismo bresciano. A destra, simmetrica alla prima, si apre la cappella della Santissima Trinità, con la pala d’altare attribuita a Francesco Paglia. Chiusa da una inferriata, la cappella del Sepolcro ospita interessanti statue lignee policrome che raffigurano il Cristo morto, la madonna, San Giovanni e le pie donne. Siamo qui di fronte a un gruppo scultoreo quasi a grandezza naturale, dove i personaggi sono ritratti, nei tratti del volto e nelle vesti, con una vena di sapiente e autentico realismo. Sulla parete di fronte, sempre al di sopra della scalinata di accesso, è stato riportato alla luce un affresco quattrocentesco, con figure di santi.