SCARICA LE NOSTRE APP

iphone-android iphone-android Disponibile su Apple Store per iPhone e iPad e su Google Play per dispositivi Android.
Naviga sul nostro territorio con le funzioni avanzate di geo-localizzazione

Home - Il bello - Castelli e Palazzi

Castello di Desenzano

  • Indirizzo:
  • Via Castello
  • Localit√†:
  • Desenzano d/G. - Bs
  • GPS:
  • 45.470129 10.537801

photogalleryMEDIAGALLERY

Costruito nell’Alto Medioevo, probabilmente sui resti di un Castrum romano, nel 1472 il castello di Desenzano fu ampliato nella parte sud, ma non divenne mai una fortezza militare: al suo interno, infatti, c’erano abitazioni di privati cittadini che potevano accogliere, in caso di pericolo, anche coloro che abitavano fuori le mura. Nel 1509 fu costruita al suo interno la chiesa di S. Ambrogio: venduta a privati durante l’occupazione francese del 1798, venne successivamente distrutta, tanto che oggi di essa non rimane alcuna traccia.  Nel corso dei secoli il castello di Desenzano continuò ad essere abitato, nonostante la condizione di degrado via via più grave. Nel 1882 diventa proprietà del Regio Demanio e viene adibito a caserma, prima sede di una guarnigione di fanteria, poi di bersaglieri e infine di alpini dagli anni Trenta fino al 1943. Il Comune ne diviene proprietario nel 1969 e da allora inizia l’elaborazione di diversi piani di ristrutturazione. Dell’antico castello, il cui aspetto medievale è andato definitivamente perduto con i lavori del 1883, rimangono alcuni tratti di mura con le merlature sgretolate fra le quattro torri angolari mozze, ad eccezione di quella sullo spigolo a nord-est. Anche se privo di particolari bellezze architettoniche, il castello di Desenzano, con pianta rettangolare e irregolare, è dotato di indubbio interesse storico e di sicuro effetto scenografico, soprattutto per chi giunge in città per via lago. Dopo i recenti lavori di restauro, l’intero apparato difensivo posto all’ingresso del castello, sul lato nord, ha recuperato l’aspetto originario, con la possente torre che si innalza a protezione del ponte levatoio, di cui ancora oggi si conservano e si possono vedere le feritoie per le catene. Collocato nella zona più elevata della città, dalla sua terrazza si ammira uno dei più bei panorami del Garda