SCARICA LE NOSTRE APP

iphone-android iphone-android Disponibile su Apple Store per iPhone e iPad e su Google Play per dispositivi Android.
Naviga sul nostro territorio con le funzioni avanzate di geo-localizzazione

Home - Il bello - Luoghi della storia

Limonaia del Castel

  • Indirizzo:
  • Piazza Garibaldi
  • Localit√†:
  • Limone sul Garda - Bs
  • Orari:
  • Apertura 8-11-18-26 dicembre 1-6-8 gennaio
    10.00-16.30
    Informazioni e prenotazioni per altri periodi o informazioni e prenotazioni al tel. +39 0365/954008 in orario  d'ufficio
  • GPS:
  • 45.815776 10.792062

photogalleryMEDIAGALLERY

Il 13 settembre 1786 Goethe scriveva, nel suo Viaggio in Italia, parlando di Limone sul Garda: “Il mattino era magnifico, un po’ nuvoloso, ma, al levar del sole, calmo. Passammo davanti a Limone, con i suoi giardini a terrazze su per il pendio dei monti; uno spettacolo di ricchezza e di grazia. L’intero giardino consta di file di bianchi pilastri quadrangolari che sono collocati ad una certa distanza l’uno dall’altro, su per il declivio del monte, a gradini. Sopra questi pilastri sono collocate delle robuste pertiche per coprire, in inverno, gli alberi che crescono negli intervalli. La lentezza della traversata favoriva l’osservazione e la contemplazione di questo piacevole spettacolo”. La coltivazione dei limoni dalla riviera genovese arriva sulle sponde del Garda nel corso del Duecento, forse ad opera dei frati del convento di San Francesco di Gargnano. A partire dal Seicento, per proteggere piante e frutti dai freddi invernali, inizia la costruzione delle prime limonaie, con muraglie, pilastri e travi su cui, da novembre a marzo, si fissavano assi e vetrate. La coltivazione degli agrumi ebbe un forte sviluppo durante la prima metà del Settecento, soprattutto grazie agli investimenti della famiglia Bettoni, tanto che i limoni venivano esportati in Germania, in Polonia, in Russia, garantendo lavoro e profitti alla piccola comunità arroccata sulle sponde del lago. Nel secondo Ottocento si manifestano segnali di crisi, anche a causa della concorrenza, a seguito dell'unificazione italiana, dei limoni delle regioni meridionali, che si farà irreversibile dopo la Prima Guerra Mondiale. Per far rivivere questa attività di grande interesse storico e culturale, l'Amministrazione comunale di Limone ha acquistato la limonaia del Castèl, la cui costruzione risale ai primi del Settecento, che è posta nel cuore del paese e si stende su più terrazzamenti. Dopo il recupero delle strutture, nel 2004 si è provveduto alla piantumazione degli alberi di limoni, cedri, pompelmi, mandaranci, chinotti e clementine, che sono così tornati dove prosperavano un tempo. Una visita alla limonaia del Castel ci riporta indietro nel tempo, anche grazie al prezioso lavoro di recupero filologico che ha restituito la struttura così come era nei secoli passati. Nel silenzio ovattato che caratterizza la parte alta del centro storico limonese, possiamo così percorrere le scalette che portano da un terrazzamento all’altro, con il lampeggiare dell’azzurro del cielo e del lago che di tanto in tanto possiamo scorgere tra il susseguirsi delle piante disposte in file ordinate, con le foglie di verde intenso e il giallo splendente degli agrumi.