SCARICA LE NOSTRE APP

iphone-android iphone-android Disponibile su Apple Store per iPhone e iPad e su Google Play per dispositivi Android.
Naviga sul nostro territorio con le funzioni avanzate di geo-localizzazione

Home - Il bello - Castelli e Palazzi

Rocca Viscontea

  • Indirizzo:
  • Via Rocca
  • Localit√†:
  • Lonato del Garda - Bs
  • GPS:
  • 45.462315 10.485659

Costruita, verosimilmente agli inizi dell'XI secolo, la rocca di Lonato vanta un'estensione che la pone tra le maggiori fortificazioni della Lombardia, con circa 180 metri di lunghezza e 45 di larghezza, e denota un eccezionale stato di conservazione. A cavallo fra Tre e Quattrocento viene ampliata e ristrutturata dai Visconti, signori di Milano. Successivamente e fino al 1797 ospita un presidio militare della Repubblica veneta, come ci ricorda il leone di San Marco nella nicchia sopra la porta di accesso.
Esaurita la funzione militare, a seguito dell’annessione del Lombardo-veneto all’Austria, la rocca è venduta a privati che demoliscono gli edifici dove alloggiavano i militari per trasformare in area coltivabile i terreni posti entro le mura. Dichiarata monumento nazionale nel 1912, nel 1920 viene acquistata  dal senatore Ugo da Como ed è oggi gestita dalla omonima fondazione.
Sulla destra, prima dell'ingresso, si erge il massiccio baluardo, sulla cui sommità notiamo gli incavi dove erano alloggiati i cannoni posti a difesa della fortificazione. Accedendo alla rocca, a destra, sono visibili i resti dei locali del corpo di guardia. Attraverso una breve rampa, si arriva al Quartiere Principale, che conserva le murature degli alloggi per le truppe. Attraverso un portale ad arco a sesto acuto si raggiunge il Quartiere di Tramontana, alla cui estremità è visibili quanto è rimasto di una postazione di avvistamento e di artiglieria.
Percorrendo a ritroso il cammino di ronda, dal quale si gode uno spettacolare panorama del lago di Garda, arriviamo alla “Rocchetta”, la parte alta, attraverso la quale si raggiunge il punto più alto di tutta la Fortezza.
All’interno della Rocca si è mantenuta la Casa del Castellano: edificio semplice e robusto, a pianta rettangolare, che attualmente ospita il Museo Civico Ornitologico. Sul retro della Casa sono state portate alla luce alcune cisterne per la raccolta dell'acqua piovana e, nell'angolo nord orientale, si apre la Porta di Soccorso, dotata di una lunga e stretta scalinata che scende fino alla base esterna del castello.