SCARICA LE NOSTRE APP

iphone-android iphone-android Disponibile su Apple Store per iPhone e iPad e su Google Play per dispositivi Android.
Naviga sul nostro territorio con le funzioni avanzate di geo-localizzazione

Home - Il bello - Le chiese - Chiese romaniche

Pieve di Santa Maria di Tenesi

  • Indirizzo:
  • loc. Pieve Vecchia
  • Localit√†:
  • Manerba del Garda - Bs
  • GPS:
  • 45.563760 10.545492

photogalleryMEDIAGALLERY

La pieve di Manerba, chiesa-madre e centro battesimale per la zona della Valtenesi tra Salò e Padenghe, come propaggine più occidentale della diocesi di Verona, a cui ancora oggi fa riferimento la sponda del Garda bresciano. L’edificio attuale risale all'XI-XII secolo, è a pianta basilicale a tre navate e si sviluppa su base quadrangolare di 20 metri di lato. Al suo fianco sorgono gli edifici che, in origine, ospitavano il collegio dei presbiteri e dei chierici.   La facciata è articolata in un volume principale, corrispondente alla navata centrale, al quale si appoggiano, leggermente arretrate, le navate laterali, a spiovente semplice e più basse. Di fronte alla chiesa, a metà Cinquecento, viene costruita la torre campanaria: la sua posizione oggi isolata fa pensare all’esistenza di uno spazio chiuso, una sorta di piazza, forse delimitata da muratura o da altri edifici di cui non rimane traccia. All’interno, le tre navate sono separate da pilastri in pietra su cui poggiano archi a tutto sesto e si concludono con absidi semicircolari, a eccezione di quello di sinistra che è stato rifatto a pianta quadrata. Alle pareti troviamo affreschi dal XIV al XVI secolo, che sono giunti a noi in diverso stato di conservazione. Da ricordare, su un pilastro della navata sinistra, l’affresco di stile tardo gotico, risalente alla metà del Quattrocento, che ritrae la madonna in trono col bambino. Più recente e innovativo è il trittico con la Madonna tra i Santi, opera di fine Quattrocento posta nella terza campata della navata destra. La parete di fondo della sacrestia, infine, conserva l’affresco di sapore ormai rinascimentale, dove la Madonna in trono è affiancata da Santa Apollonia e Sant’Antonio.