SCARICA LE NOSTRE APP

iphone-android iphone-android Disponibile su Apple Store per iPhone e iPad e su Google Play per dispositivi Android.
Naviga sul nostro territorio con le funzioni avanzate di geo-localizzazione

Home - Il bello - Luoghi della storia

Grotte di Catullo

  • Indirizzo:
  • Grotte
  • Localit√†:
  • Sirmione - Bs
  • Telefono:
  • +39 030/916157
  • Fax:
  • +39 030/9906002
  • Orari:
  • Apertura annuale 1 aprile - 31 ottobre martedì – sabato: 8.30–19.30 domenica e festivi: 8.30–17.30   1 novembre - 28 febbraio martedì – sabato: 8.30–17.00 domenica e festivi: 8.30–13.30 Ingresso intero: 4 € ridotto: 2 €    La biglietteria è aperta fino a mezz'ora prima dell'orario di chiusura 
    Chiuso lunedì (se festivo martedì)
  • GPS:
  • 45.499984 10.605001

photogalleryMEDIAGALLERY

Le imponenti rovine note, fin dal Rinascimento, come “grotte di Catullo”, sono databili tra la fine del Primo secolo dopo Cristo e l’inizio del successivo. Al di sotto di queste, tuttavia, sono stati rinvenuti i resti di un edificio  precedente, attribuibile al I secolo a.C., che potrebbe essere proprio quello in cui soggiornò il poeta Catullo. Il grande complesso che possiamo oggi visitare si estende su una superficie di quasi due ettari, a pianta rettangolare di 167 x 105 metri, costruito secondo un progetto unitario. Per superare la pendenza del terreno roccioso si sono rese necessarie opere grandiose, che dalle fondamenta sostengono i piani superiori, con il risultato di un edificio disposto su tre livelli. Anche se è stata abbandonata già nel Terzo secolo ed è stata oggetto di spoliazioni nei secoli successivi, la grande villa testimonia, per dimensioni, impianto architettonico e ricchezza delle decorazioni, l’alto rango del proprietario. Il settore meridionale, dove si trovava l’ingresso alla villa dalla terraferma, era costruito quasi completamente su un unico livello, con spazi destinati alla residenza. Nella parte centrale, troviamo il peristilio: l’area occupata oggi dal grande oliveto era il giardino interno, circondato sui lati da un porticato. Il criptoportico a due navate, sottostante il portico occidentale, comunicava con la parte nord della villa, dove troviamo, agli angoli est e ovest, due ampie stanze belvedere che si affacciano sul lago con ampie finestrature a trifora. Nella zona sud-occidentale, è ubicato il settore termale a servizio della villa e dei suoi ospiti. Distinguiamo qui la grande vasca del frigidarium e il calidarium, riscaldato dall’aria calda immessa al di sotto del pavimento. Il “criptoportico degli stucchi”, lungo 31 metri, fungeva da vano di servizio, forse come magazzino per il legname necessario al funzionamento dell’impianto termale.