SCARICA LE NOSTRE APP

iphone-android iphone-android Disponibile su Apple Store per iPhone e iPad e su Google Play per dispositivi Android.
Naviga sul nostro territorio con le funzioni avanzate di geo-localizzazione

Home - Il bello - Le chiese - Chiese romaniche

Pieve di Sant'Andrea

  • Indirizzo:
  • Piazza San Marco
  • Localit√†:
  • Toscolano Maderno - Bs
  • GPS:
  • 45.635510 10.599522

photogalleryMEDIAGALLERY

L’attuale edificio, in stile romanico-lombardo risale ai primi decenni del XII secolo, costruito forse sui resti di una struttura precedente e si impone alla nostra attenzione per la facciata, costruita con blocchi di marmo e pietra rosa ben squadrati, che ha conservato appieno i caratteri originari. Tripartita da due alte semicolonne, che terminano sormontate da capitelli di epoca romana qui reimpiegati, la facciata anticipa all’esterno la presenza delle tre navate interne. A conferire ulteriore slancio verso l’alto, la parte mediana, inoltre, è percorsa da due piastrini che sostengono l’arco che sporge al di sopra della monofora tonda. Molto bello e ricco di spunti interessanti è il portale, articolato su cinque ordini di mezzelune fittamente decorate da rilievi a motivi vegetali, geometrici e simbolici. Nella ghiera più interna, sul lato sinistro è scolpito un leone, immagine simbolica legata alla Risurrezione di Cristo; a destra sono raffigurati una sirena bicaudata, simbolo di lussuria, l'Agnello con la croce e, ancora, il leone e l'aquila. Ad arricchire ulteriormente l’esterno, infine, il reimpiego di blocchi provenienti da edifici di epoca romana, come attestano le iscrizioni e le decorazioni ancora ben visibili. La ricchezza decorativa continua anche all’interno, dove si distinguono le pregevoli decorazioni dei capitelli, uno diverso dall’altro, a rappresentare una vasta gamma di motivi e temi figurativi tipicamente romanici. Da ultimo, sotto il presbiterio, troviamo l’antica cripta che un tempo custodiva le reliquie di Sant’Ercolano. S. Ercolano, nemico delle ricchezze e amico dei poveri, era di orgine germanica.  Lasciata la patria e i genitori per seguire Cristo, divenne prima abate in un monastero della città di Brescia e passò il resto della sua vita come eremita nella penisola di Campione, sul lago di Garda. Alla sua morte, nel 576, diverse comunità del lago si contendevano la salma del santo, che fu così lasciato su una barca senza conducente. Per volere divino, la barca approdò a Maderno e il corpo fu riposto in un'arca di pietra nella chiesa di S. Andrea. Nel corso dell’Ottocento le reliquie del Santo vennero, infine, collocate nella parrocchiale dedicata a San’Andrea, posta quasi di fronte all’antica pieve.