SCARICA LE NOSTRE APP

iphone-android iphone-android Disponibile su Apple Store per iPhone e iPad e su Google Play per dispositivi Android.
Naviga sul nostro territorio con le funzioni avanzate di geo-localizzazione

Home - Il bello - Luoghi della storia

Villa Romana di Toscolano

  • Indirizzo:
  • Piazza Santa Maria del Benaco
  • Localit√†:
  • Toscolano Maderno - Bs
  • Telefono:
  • + 39 0365/546023
  • Orari:
  •  Visitabile su prenotazione telefonando allo 0365-546023

  • GPS:
  • 45.643485 10.618070

photogalleryMEDIAGALLERY

La villa apparteneva probabilmente ai Nonii, una delle più importanti e influenti famiglie bresciane, che aveva interessi economici e vaste proprietà nella zona del lago e nel vicino territorio collinare e montano. Grazie a un’iscrizione proveniente probabilmente dall’area della villa, questa è stata attribuita a Marco Nonio Macrino, console nel 154, proconsole d’Asia nel 170-171, legatus e comes dell’imperatore Marco Aurelio. Disposta parallelamente alla linea di costa, doveva avere un aspetto monumentale, con loggia frontale verso il lago e con avancorpi sui lati nord e sud. Costruita nel I secolo d.C., subì interventi e trasformazioni nei secoli successivi sino all’inizio del V secolo d.C.. L’unico settore attualmente visitabile è quello meridionale che costituiva parte di uno dei due avancorpi laterali del complesso. Qui si aprono diversi ambienti, alcuni dei quali con pavimenti a mosaico e muri perimetrali conservati sino a oltre un metro di altezza, con resti consistenti della decorazione pittorica parietale. L’asse centrale della villa si trovava più a nord, dove sorge la casa colonica tra la villa e la chiesa parrocchiale. Qui è stato messo in luce negli anni 1995-2000 un secondo nucleo dove un grande ambiente centrale, probabilmente un triclinium, affiancato da due altri vani absidati, si apriva sul loggiato affacciato sul lago. Davanti al loggiato, immerso in un ampio giardino, si trovava un grande bacino-fontana rettangolare, di forma molto elaborata, lungo ben 47 metri e largo 6. La villa conservò sino al momento della distruzione aspetti propri di un edificio di grande lusso.